close
Filone di grano arso e saragolla: il piacere della conoscenza e la grandezza della condivi...
Senza categoria

Filone di grano arso e saragolla: il piacere della conoscenza e la grandezza della condivisione

Quando ho parlato al telefono con il mio Emporio di farine per elencare la lista della spesa, ero certa che mi sarei affacciata su un crepaccio nel quale sarei potuta precipitare irrimediabilmente. Ho chiesto a Lia quali novità avesse, da farmi provare, certa che questa scelta sarebbe stata difficile da gestire: qualsiasi nome avesse pronunciato, avrebbe potuto generare in me un ardente desiderio di averlo!! E, in bilico su un precipizio, si finisce sempre per sbilanciarsi verso il vuoto!!
Quando ha pronunciato la parola “grano arso” mi sono sciolta. Non ho saputo resistere. LO PROVO!! E’ il mio momento. Ci sono cose che ti passano davanti agli occhi decine di volte, prima di farti carpire che sono fatte per te. Questa è stata la mia occasione.
Due dritte sul suo utilizzo e via, il sacchetto passa nel carrello virtuale. Così, quando la mia amica Sara mi ha detto “ma se ti fermassi per cena e cucinassimo insieme?”, non ho avuto dubbi: al pane avrei pensato io. Ho preparato con amore poolish e impasto, poi ho trasferito tutto da lei. Ho dato forma al pane e via, in forno. Il timore di fare brutta figura c’è sempre, e c’è stato anche questa volta. Ma il risultato….. ecco….. ve lo spiego con le parole di Sara? Magari un’altra volta ^_^ Non solo è rimasta soddisfatta del risultato, ma ha anche vissuto la mia soddisfazione ^_^

Ingredienti

Per il poolish
200 g di farina Petra 1
15 g di lievito madre secco naturale
200 g di acqua

Per l’impasto
il poolish
75 g di farina Petra 1
125 g di semola di Saragolla
100 g di farina di grano arso
20 g di lievito madre in polvere naturale
200 g di acqua
14 g di sale
25 g di malto d’orzo

Preparate il poolish mescolando la farina al lievito in polvere e versandoci l’acqua. Mescolate velocemente affinché tutta la farina venga bagnata, ma non lavorate eccessivamente: non dovrà risultare un impasto liscio. Coprite con un foglio di pellicola trasparente e lasciate riposare in un luogo buio per 15 ore. Sarà pronto quando sulla superficie compariranno delle bollicine e quando il centro inizierà ad affondare.
Trascorso il tempo necessario, trasferite il poolish nell’impastatrice (io uso il Bimby) e unite l’acqua. Iniziate ad impastare, quindi versate le farine mescolate al lievito madre in polvere. Per ultimo aggiungete il malto e il sale. Impastate a lungo, fino a quando l’impasto sarà incordato ed elastico.
   Trasferitelo in una ciotola, coprite tutto con la pellicola e lasciatelo lievitare in un luogo buio e tiepido per 6 ore. A questo punto passate alle pieghe. Prendete una parte di impasto dal lato, allungatelo e portatelo verso il centro. Procedete con una nuova parte, in senso circolare, fino ad effettuare l’operazione su tutto l’impasto. Trasferite il tutto su una spianatoia infarinata ed arrotolate la pasta su se stessa, lasciando la parte delle pieghe all’interno, formando un filoncino.
Sistemate la forma su una placca coperta da carta forno, lasciando l’apertura verso il basso.
Copritelo con la pellicola e lasciatelo lievitare, al riparo da correnti d’aria, per altre 3 ore.
Trascorso il tempo eliminate la pellicola e praticate dei tagli obliqui. Portate il forno alla temperatura di 200° e, quando sarà pronto, infornate la teglia.
Cuocete per circa 30 minuti, ma abbiate occhio nel valutare se possa volerci un po’ più di tempo. E’ un impasto molto idratato e all’interno tende a rimanere molto umido.
Sfornatelo e lasciatelo raffreddare (va beh, per necessità io l’ho fatto solo intiepidire ^_^), quindi procedete al taglio.

Innamoratevi dei suoi buchetti e deliziatevi del suo meraviglioso sapore intenso. Il grano arso ha un profumo pazzesco che si sprigiona a tutto tondo, prima all’olfatto, poi sul palato.

La crosta croccante nasconde un cuore soffice e fragrante. Lo assaporerete in tutta la sua intensa freschezza, ma….. il giorno dopo, tostato con un po’ di marmellata, è la fine del mondo (Sara docet).

Non vedo l’ora di riprovarci!! ^_^

Con questa ricetta partecipo alla raccolta del mese
di Febbraio di Panissimo

 


  1. Direi che il risultato è davvero eccellente!! Bravissima Erica!! Sono davvero curiosa di provare anche io il grano arso!! Un bacione!!

    20 febbraio

    • Silvia, una panificatrice come te non può che provare questa meraviglia!!!! Il risultato ti conquisterà.

      20 febbraio

  2. è venuto proprio bene! Penso che il gusto è molto interessante! Complimenti Erica! Buona giornata! 🙂

    20 febbraio

    • Il gusto è molto particolare: rustico e travolgente.
      Grazie cara, un bacione.

      20 febbraio

  3. Ma che meraviglia Erica mia!!!
    Quella crosta mi fa una gola pazzesca!!!

    20 febbraio

  4. Che spettacolo questo pane, bravissima!

    20 febbraio

  5. Spettacolare! E adesso mi è venuta voglia di provarlo… come facciamo? 😉

    20 febbraio

  6. Buono questo pane.
    Un abbraccio

    20 febbraio

  7. Già ne sento il profumo e…..il gusto 🙂

    20 febbraio

  8. Caspita che pane, dirti che ti è venuto benissimo è dirti poco!!! Un giorno tu ed io dobbiamo incontrarci così mi insegni come avere risultati talmente belli!!! Un abbraccio

    20 febbraio

    • Io che insegno a te???? Naaaaaaaaaa….. facciamo che ci vediamo per raccontarcela e per pasticciare insieme. Che mi piace molto di più ^_^

      20 febbraio

  9. Le farine "nere" sono magiche, hanno un aroma inconfondibile… e come sai davanti al pane perdo ogni forza di volontà!! Ti va di sfornare pagnotte,m oltre che tortini? Io inizio a correre, nel dubbio 😀
    Un bacio tenero e infinito al mio pezzetto di cuore fuori sede <3

    20 febbraio

    • Tra tortini, pane e quant'altro…. io inizio a preparare una stanzetta solo per te ^_^
      Il tuo pezzetto di cuore fuori sede, commosso, ti stringe con affetto. Sei unica!!

      20 febbraio

  10. Buinoooooooooo.. che mix di farine.. Ecco con parte di grano arso voglio provare a che io.. mi era venuta una mezza idea.. ma ero titubante per il forte sapore di quella farina.. Ma vedendo iltuo… che voglia.. T'è lievitato benissimo! un bacione 😀 buon w.e.

    20 febbraio

    • In dubbio per il sapore???? Claudia, il sapore è quello che conquista!!!! Al massimo mettine meno in percentuale. Sul totale delle farine non dovrebbe superare il 30% e io l'ho sfruttata tutta, questa percentuale. Ma nulla vieta che possa ridurre al 15 o anche al 10%
      Ora sono curiosa ^_^
      Buon weekend dolcezza, un abbraccio.

      20 febbraio

  11. Che meraviglia! L'ho visto su FB e mi ha messo voglia di fare il pane. Il poolish, poi è sempre una garanzia! Brava Erica, le farine che hai usato, mi conquistano. Buon w.e.

    20 febbraio

    • Ormai non seguo altra lievitazione, se non con il poolish. Il risultato è sempre un successo ^_^
      Bella che sei Silvia ^_^ Grazie!

      20 febbraio

  12. Che buone farine hai usato per questo pane. Il grano arso lo dovrò provare anch'io prima o poi! L'aspetto è favoloso, poi bello rustico come piace a me.
    Buon w.e.

    20 febbraio

    • Natalia, lo devi provare!!!! Ti conquisterà. Se poi avessi bisogno di reperirlo, io posso aiutarti: il mio emporio non delude mai ^_^

      20 febbraio

  13. Ho sentito parlare del grano arso ma non l'ho mai mangiato. E' una cosa nuova e deve essere molto gustoso il pane preparato con questa farina !

    20 febbraio

    • In realtà è una farina molto antica, che con il tempo ha lasciato spazio a quelle più raffinate. E infatti porta con sé i sapori veri e autentici del pane di una volta. Devi assolutamente provarlo!!

      20 febbraio

  14. FARINA PARTICOLARE, OTTIMO PANE, COMPLIMENTI!!!!ANCH'IO COME TE QUANDO FACCIO LA SPESA PROVO A VEDERMI IL PIATTO CHE DEVO CUCINARE, SOPRATTUTTO QUANDO SI TRATTA DI PRODOTTI PARTICOLARI!!!!BRAVA TESORO!!!!BACI SABRY

    20 febbraio

  15. Fr@

    Il grano arso, attira anche me.
    Molto bello il tuo pane. Complimenti.

    20 febbraio

    • Possibile che non sia ancora arrivato nella tua dispensa? ^_^ Cosa aspetti??? 😀

      20 febbraio

  16. Ma che bello nero che ti è venuto. Io ho da un po' il mio lievito madre fermo in attesa di essere utilizzato. Intanto si subisce i suoi rinfreschi quotidiani 🙂

    20 febbraio

    • Io continuo a non cedere al lievito madre. Ogni tanto qualcuno cerca di persuadermi, ma sarebbero più le volte che lo lascerei fermo, di quelle in cui lo sfrutterei. Per cui ecco la mia polverina magica ^_^
      E' così nero perché ho utilizzato una grande percentuale di grano arso. E, ti dirò, a me non dispiace affatto, sia il colore che il sapore ^_^
      Un bacio tesoro prezioso!!

      20 febbraio

    • Ti dirò, all'inizio avevo paura anche io di non riuscire a gestirlo, poi piano piano ci ho fatto amicizia e adesso è un aiuto prezioso in cucina. Devo andare a cercare la farina di grano arso al negozio biologico. Non mi pare di averla vista, ma forse non ho guardato bene 😀 E' da tempo che cerco un modo per far venire nero nerissimo il mio pane 😀
      Baciotti

      21 febbraio

    • Nel caso in cui dovessi avere difficoltà a trovarlo (o dovessero fartelo pagare un occhio -ah, i negozi bio!!!!-), fammelo sapere che te lo procuro io. Dove lo acquisto fanno anche spedizioni, per cui potremmo organizzarci (e hanno un sacco di farine e quant'altro ^_^)
      Un abbraccio.

      21 febbraio

  17. Verissimo, confermo tutto! Il profumo intenso e il sapore così pieno! Bellissima la tua pagnotta, io ti capisco tesoro, ti capisco benissimo. Non so dirti i kili di farine varie che ho consumato in nemmeno dieci giorni che sono tornata! Buon fine settimana e tanti bacetti

    20 febbraio

    • Ma….. sei tornata Terry???? Devo venire a trovarti, mi sono persa grandi cose ^_^
      Un bacetto dolcezza, grazie.

      21 febbraio

    • Eh si che sono tornata! E sono anche felicissima di essere a "casa" ♥

      22 febbraio

  18. WOW che meraviglia, fantastico dentro e fuori, immagino quanto sia buono e profumato, ottimo lavoro Erica!!!
    Un abbraccio, buona serata…

    20 febbraio

    • Grazie Ely, e anche in me ha prodotto effetti sia dentro che fuori ^_^ Gioia pura!!!!

      21 febbraio

  19. In vacanza in Puglia ho mangiato una pizza di grano arso meravigliosa…divorata in men che non si dica quanto era buona…e meno male che non siamo vicine di casa se no avevo fatto sparire anche il tuo filone di pane ^_^ Ne sono certa anche perché stamattina ho iniziato un vasetto di marmellata di fragole fatta da me con le fragole della mia vicina che…ci starebbe davvero bene 😛 Ora smetto di sognare davanti al pc e ti saluto 😀 Un abbraccio forte :*

    20 febbraio

    • Ahahahahahah, pensa, Alice, che la marmellata di fragole è proprio la contestualizzazione del giorno dopo dei miei amici a cui ho portato questo pane ^_^
      Un abbraccio forte forte anche a te tesoro.

      21 febbraio

  20. E' perfetto mi piacerebbe provarlo!!!
    Complimenti sei stata bravissima!
    Buona serata

    20 febbraio

    • Sei tanto brava con i dolci, vuoi non esserlo con i lievitati!?!?!?!? ^_^
      Un bacione, grazie.

      21 febbraio

  21. Non posso che innamorarmi perdutamente di questa creatura, perfetta, profumata, gustosa..cedo in tentazione altro che cioccolata 😛
    Buon we <3

    20 febbraio

    • Eh…. ti stavo proprio aspettando ^_^
      Sapevo che avresti apprezzato. Grazie zietta.
      P.S. Con un pezzetto di cioccolato sarebbe perfetto 😀

      21 febbraio

  22. Che meraviglia questo pane… bravissima cara!!!!

    20 febbraio

  23. una meraviglia cara, sei star stra brava :-* <3

    21 febbraio

  24. Che meraviglia!! Hai tutta la mia ammirazione per questo capolavoro!! Per me gli impasti lievitati sono sempre una mission impossible!! 🙂

    21 febbraio

    • Con tutte le meraviglie che prepari….. non saranno certo i lievitati a farti sentire in difetto ^_^
      Grazie cara.

      21 febbraio

  25. Non conosco il grano arso ma mi fido di te e di tutte le tue fantastiche farine!!! Questo pane è molto bello e credo abbia un buon profumo!
    Brava Erica!

    21 febbraio

    • Il grano arso è, appunto, un grano bruciato. Il sapore è molto intenso e leggermente affumicato. Io lo adoro ^_^
      Grazie Cristina ^_^ sei sempre dolcissima.
      Un abbraccio.

      22 febbraio

  26. Un po' a invidio quella tua amica, sai? Il piacere di stare con te condividendo un pane da te preparato… tu sai che io ho un debole per il pane e una cotta spudorata per la tua anima… e spero di riuscire al più presto ad abbracciarti, con o senza pane (ma con è meglio) ^.^ Buona serata amica mia <3

    21 febbraio

    • Io non vedo l'ora, dolcezza mia. Sai quanti 'disastri' faremmo, tra una chiacchiera e l'altra? Sarà bellissimo, e sarà assolutamente CON il pane.
      P.S. Abbiamo anche fatto una crostata, insieme…. posso dire che cucinare con le amiche mi piace, mi piace molto ^_^ Ti stritolo d'amore, Ale!!

      22 febbraio

  27. Ciao Erica, sono felice di conoscere te e il tuo bellissimo blog. Questo pane mi ha letteralmente folgorato, è favoloso . la farina di grano arso non la conoscevo, ma rimedierò al più presto , intanto mi prendo la ricetta.
    Ti seguo con piacere.
    A presto lisa

    22 febbraio

    • Grazie Lisa, ho appena visitato il tuo blog e mi piace molto. Sono felice di scoprirti e lo sarò di seguirti.
      Questa farina è, effettivamente, particolare. Conferisce un sapore rustico e intenso e…. rapisce ^_^ Devi assolutamente provarlo ^_^
      Grazie ancora, cara. Buona giornata.

      23 febbraio

  28. Sei talmente brava dolcezza!!! Da tutti i tuoi post traspare passione, amore e un'attenzione scrupolosa alle materie prime…sempre genuine e da approfondire! Grazie Erica, per aver condiviso questa meravigliosa pagnotta! Sono certa che sia una squisitezza!! Ti abbraccio affettuosamente, Mary

    22 febbraio

    • Per me la passione c'è in qualsiasi cosa faccia, se no non riesco proprio a portare avanti "la missione". Ed effettivamente chi mi conosce lo sa che, una volta convinta, non mi ferma più nessuno ^_^ La scelta di ingredienti, per me, è importantissima. Non posso prescindere da basi sane e genuine. Ma non risparimio il piacere di gustare bontà. Questo pane ne è la conferma ^_^
      Grazie di cuore, dolcezza. Ah, ho scoperto che entrambe abbiamo un fratello vegano ^_^
      Un bacione tesoro, buona giornata.

      23 febbraio

  29. UFFA!!! Ma cosa posso dirti? continui ad usare ingredienti che manco sul vocabolario trovo!!! Sei la mia wikipedia umana!!!
    Bravissima come sempre

    26 febbraio

    • Phuaaaaaaaahahahahahahah….. e cosa ci sarebbe di strano qui? Il grano arso? Cercalo, ti stupiresti!!

      26 febbraio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

INSTAGRAM FEED

Follow on Instagram